Tu sei qui:[Home]>[TEMI E REFERENTI] > [Città Sostenibile]


Città Sostenibile


Referenti:

POLIS - Polo per le Tecnologie per la Città Sostenibile (Polo di Innovazione e Distretto Tecnologico)



Il POLO per le TECNOLOGIE PER LA CITTA‘ SOSTENIBILE - POLIS, finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2007-2013 e PAR FAS 2007-2013 e‘ promosso da un partenariato di organismi di ricerca e centri di servizi toscani che vede come soggetto proponente la Fondazione per la Ricerca e l‘Innovazione.

I Poli di Innovazione nascono come aggregazioni tra Organismi di Ricerca, Centri di Servizio e Imprese per la crescita tecnologica e la promozione del trasferimento tecnologico.

Polis focalizza la sua attenzione nello sviluppo di azioni e progetti rivolti alla sostenibilità urbana, che vedono concentrarsi primariamente in temi legati a:

    Mobilità, gestione dei flussi e organizzazione dei processi di trasporto
    Beni culturali, conservazione, gestione e fruizione
    Edilizia sostenibile, nuovi materiali per l‘edilizia, sistemi energetici

Polis forte dell‘aggregazione di oltre 200 soggetti, tra PMI, Grandi Imprese, Organismi di Ricerca è stato riconosciuto come Polo di 1° Fascia ed a oggi presenta una rete di oltre 400 soggetti impregnati a vario titolo nello ricerca, sviluppo, marketing di attività inerenti i Beni Culturali, la Mobilità e l‘Edilizia Sostenibile.

Partenariato POLIS

La missione generale del “Distretto regionale delle tecnologie dei beni culturali e della città sostenibile” (DiT-BeCs), è identificata come segue

“Costituzione e rafforzamento di sistemi di ricerca, innovazione, impresa e lavoro di qualità, con una varietà di prodotti e servizi, vincenti anche su mercati e filiere produttive internazionali, ma che si radicano in capacità e identità locali, facendo leva su:

  1. un patrimonio culturale e paesaggistico di ricchezza eccezionale che ha espressioni di grande rilievo a varie scale urbane e rurali;
  2. capacità di ricerca presenti con punte di eccellenza e rapporti con le imprese in molti aspetti dei processi di valorizzazione dello stesso patrimonio;
  3. un saper fare raffinato da un confronto vivo col patrimonio culturale e sostenuto da moderne capacità artigiane e manifatturiere in distretti industriali e simili;
  4. una tradizione toscana del buon vivere dei luoghi in cui i beni culturali non sono oggetto di mero consumo e vendita, ma contribuiscono alla cultura, alla creatività e alla qualità delle esperienze di lavoro, di consumo e civili, ovvero alla qualità della vita in senso lato.”

DiT-BeCs è incluso nelle politiche della Regione Toscana dei Poli di innovazione e dei Distretti tecnologici regionali. Il Distretto tecnologico assorbe dal lato dei servizi un Polo di innovazione, ma sollecita riproduzione e allargamento di basi di conoscenza, competenza e imprenditorialità, per proficue ricadute di lungo periodo dei sistemi produttivi e sociali connessi allo stesso campo. POLIS oltre a fornire la segreteria tecnico e organizzativa del Comitato del Distretto, organizza il contatto e il coinvolgimento delle imprese in progetti di ricerca congiunta anche collegati alle grandi linee strategiche del Distretto.  




Il partenariato di Polis si è costituito in ATS a Settembre 2011, al fine di poter svolgere gli impegni previsti per il triennio 2011-2014 e contratti con la Regione Toscana. Sono stati costituito organi di rappresentanza e controllo, per poter definire gli obiettivi specifici del polo, conformemente con gli interessi del territorio e svolgere una funzione di monitoraggio sui risultati ottenuti. In particolare sono stati costituiti

    Consiglio scientifico strategico(CSS)
    Team di macro-area territoriale e di linea tematica
    Forum di POLIS e del Distretto
    Front Face a staff del Comitato di gestione

Coordinamento attività Polis   Fondazione per la Ricerca e l‘Innovazione   Via G. Capponi 16/18R - 50121 Firenze Tel: 055 243072 Mail: fondazionericerca@unifi.it Web: http://www.polis-toscana.it www.fondazionericerca.unifi.it  

Area Toscana Centrale   Innovazione Industriale Tramite Trasferimento Tecnologico Onlus Viale Morgagni 67/a - 50134 Firenze Contatto: Mail: luca.mattesini@i2t3.unifi.it Tel: 0555254647  Web: www.i2t3.unifi.it  

Area Toscana Costa   Lucense Scpa   Via della Chiesa XXXII, trav.I n.231 Sorbano del Giudice - 55100 LUCCA Contatto: Mail: stefan.guerra@lucense.it   Tel. 0583493616 Web: www.lucense.it  

Area Toscana SUD1   Liaison Office - Università degli Studi di Siena   Via Banchi di Sotto 55, 53100 - SIENA   Contatto: Mail: pietro.bubbabello@unisi.it   Tel. 0577 232361 Fax 0577 232188   Web www.unisi.it  




POLIS  è suddiviso in “unità di business” (BU) di POLIS, focalizzate su uno dei temi di azione di POLIS (Mobilità, Edilizia Sostenibilie e Beni CulturaLi), per l’organizzazione di servizi che collegano imprese (fornitrici e fruitrici di competenze e tecnologie, della filiera delle costruzioni, dei servizi avanzati, dell‘ICT ecc.), Università e centri di ricerca e trasferimento tecnologico del territorio e le amministrazioni locali.

BU edilizia sostenibile e tecnologie ambientali per le città e le aree industriali

  1. il risparmio energetico degli edifici, gestione degli impianti e delle reti di approvvigionamento e consumo di energia, inclusi i sistemi, tecnologie di produzione di energia da fonti rinnovabili, la cogenerazione, nuove modalità di costruzione per l’edilizia sostenibile, ecc.;
  2. lo sviluppo del sistema urbano e industriale locale secondo una prospettiva di sostenibilità, basato sulla riduzione dell’impatto ambientale dei processi produttivi, l’utilizzo di materiali e trattamenti eco-sostenibili, la gestione e valorizzazione degli scarti di produzione, la creazione di reti di condivisione della produzione e del consumo dell‘energia;
  3. il ciclo dei rifiuti;
  4. l’utilizzo sostenibile delle risorse idriche, ecc.

BU mobilità sostenibile e gestione intelligente dei flussi in ambito urbano (smart cities)

  1. Progetti di riorganizzazione del traffico e dei flussi logistici; la riorganizzazione dei rifornimenti giornalieri alle aree urbane;
  2. la possibile integrazione in centri integrati di servizio per i trasporti su gomma intra e interdistrettuali;
  3. la diffusione di reti di rifornimento e l’uso di veicoli e flotte con motorizzazioni a basso impatto ambientale;
  4. sistemi e servizi per infomobilità, organizzazione ed integrazione tra servizi di TPL, pianificazione territoriale e del traffico

BU conservazione e fruizione dei beni culturali e gestione dei flussi turistici

il bene culturale come centro di una filiera di ricerca scientifica (umanistica, tecnologica, delle scienze naturali, ecc.) che partendo dai problemi di recupero, restauro, conservazione, passa a quelli della fruizione sostenibile l’utilizzo delle nuove tecnologie per la gestione e l’indirizzamento dei flussi turistici in modo compatibile con la vivibilità dei cittadini, la conservazione del patrimonio culturale (inclusa la sostenibilità economica della conservazione), l’espansione delle attività culturali.

Vi sono poi temi trasversali, e questi possono essere oggetto se non di BU almeno di progetti speciali affidati a team specifici. Uno di questi temi è la “sicurezza e la protezione” (security and safety), in primo luogo dei cittadini, ma poi anche delle infrastrutture di maggior valore: protezione delle reti energetiche, delle infrastrutture critiche, dei mezzi di trasporto e dei luoghi d’interesse turistico e/o affollati e` un elemento imprescindibile per un uso sostenibile delle città ed un’alta qualità di vita e comfort dei cittadini. 








Il tema della progettualità riveste un elemento di forte interesse per POLIS. Il Polo a tal riguardo cura l’attivazione, gestione ed esecuzione di progetti e programmi strategici di ampio respiro, per dare basi (per-competitive) a innovazione di sistema a scala di reti, filiere ed interi sistemi produttivi territoriali. Gli aspetti legati alla competenza tecnica degli agenti di contatto e sviluppo coordinati dal soggetto gestore diventano centrali alla attivazione e sviluppo di progetti di varia dimensione, che siano progetti di ampi respiro o strategici.

Una prima ripartizione di aree tematiche, potrebbe essere la seguente:

Edilizia sostenibile ed energia

ES1. Urbanistica e reti sociali

ES2. Sistemi per il risparmio energetico, fonti rinnovabili, sensoristica ambientale

ES3. Impiantistica, materiali, bio-edilizia

ES4. Illuminazione, domotica e tecnologie di gestione

Mobilità sostenibile e applicazioni ICT

MS1. Logistica, ottimizzazione

MS2. Piattaforme ICT di gestione delle informazioni e dei servizi

MS3. Sensoristica, reti wireless, strumenti ICT di visione

MS4. Mezzi a basso impatto

Beni culturali

BC1. Scienze storiche, di storia dell’arte e della letteratura, di archeologia, di geografia storica, di archivistica, per contestualizzazione, autenticazione,  documentazione

BC2. Tecnologie fisiche, chimiche (materiali), biologiche e biotecnologiche, elettroniche per diagnosi, autenticazione, restauro, conservazione, monitoraggio, fruizione

BC3. Architettura e design, urbanistica, geomatica, ingegneria edile ed energetica, tecnologie agrarie e forestali, come sopra, in particolare per beni museali, edili e monumentali, paesaggistici

BC4. Galassia web, sensoristica e reti wireless, multimedia e GIS, digital imaging per gestione e fruizione sostenibile dei beni culturali, per documentazione, archiviazione, e nuovo museo

Aspetti trasversali

TS1. Aspetti amministrativi e gestionali (della gestione delle reti, dei servizi di mobilità, dei servizi culturali e turistici), eventi, comunicazione

TS2. Sostenibilità economica e impatto, collegamento e potenziamento di filiere produttive (es. collegamenti fra artigianato, imprese high tech, nuove imprese)

TS3. Safety & Security (es. protezione da furti alle persone e al patrimonio culturale, sicurezza ambientale, ecc.)

TS4. Riproduzione, formazione e avanzamento di competenze scientifiche, tecnico-professionali, imprenditoriali, ed educazione alla creatività e alla responsabilità




POLIS ha come primaria funzione l’attivazione, gestione ed erogazione, tramite scouting e marketing, di servizi qualificati per l’innovazione localizzata in imprese singole e reti entro i sistemi produttivi territoriali. Tale compito si articola attraverso una serie di azione come:

Animazione Territoriale
Visita delle aziende, verifica delle necessità, analisi dei processi
Seminari, Convegni e Forum per favorire la relazione tra i soggetti aggregati, il trasferimento tecnologico e lo scambio di buone pratiche
Comunicazione mirata per tipologie di aziende e processi produtti su temi di interesse: eventi, finanziamenti, tecnologie e servizi
Erogazione di servizi qualificati attraverso le strutture di servizio e gli organismi di ricerca partner di Polis
Networking nazionale ed internazionale, collegamenti con cluster  di altre aree territoriali con tematiche affini
Gestione e sviluppo di progetti di ricerca
        Ricerca risorse finanziari
        Individuazione necessità e criticità
        Redazione progetto, gestione e rendicontazione
        Individuazione partner imprenditoriali o di ricerca nazionali ed internazionali
        Ricerca e sviluppo sui temi di Edilizia Sostenibile, Mobilità e Beni Culturali
Supporto all‘avvio di nuove imprese, spin off e start up, attraverso il supporto di strutture di preincubazione e di incubazione
Supporto alla ricerca di personale qualificato per l‘inserimento in azienda attraverso le strutture di Orientamento al Lavoro
Sviluppo di progetti strategici per il territorio











Notizie:
[0 ]